Il Rotary s’impegna per alleviare la crisi dei profughi

Il Rotary s’impegna per alleviare la crisi dei profughi

I soci del Rotary hanno cambiato la vita di migliaia di profughi

di Ryan Hyland

Le statistiche sono impressionanti. Oltre 28.000 persone sono costrette ad abbandonare le loro abitazioni ogni giorno a causa di guerre, oppressione e povertà. Si tratta di circa 20 persone al minuto.

Entro la fine del 2016, circa 65,6 milioni di persone, un numero senza precedenti, dall’Africa occidentale all’Asia meridionale, sono state sfollate con la forza, creando la peggiore crisi di profughi della storia.

Il Rotaract Club di Nakivale, Uganda, aiuta a fornire zucchero, sapone e abiti ai profughi.

Le masse di migranti e profughi hanno sopraffatto la comunità internazionale, creando frizioni nei Paesi europei confinanti. La Turchia ospita il numero più elevato di profughi, con circa 3 milioni. Il Pakistan è al secondo posto. La Germania è il solo Paese ad alto reddito che compare tra le top 10 nazioni ospitanti, con circa 700.000 profughi e richiedenti asilo.

La guerra di 7 anni in Siria è la causa più grande della crisi, con milioni di persone in fuga dal Paese dall’inizio del conflitto, nel 2011.

Un’alta percentuale impressionante degli sfollati è composta dai bambini. Oltre la metà dei profughi è di età inferiore ai 18 anni.

I Rotary club stanno facendo la loro parte per aiutare ad alleviare la crisi globale dei profughi, con progetti che aiutano a portare acqua e cure mediche ai campi profughi, fondi a famiglie che vanno verso Paesi più sicuri e tanto ancora. Negli ultimi sette anni, club e distretti hanno usato circa 3 milioni di fondi di sovvenzioni globali per progetti e borse di studio che si correlano alla crisi dei profughi.

Durante la Giornata Mondiale dei Rifugiati, organizzata ogni anno il 20 giugno, le persone di tutto il mondo celebrano la forza, il coraggio e i contributi dei profughi, che abbandonano le loro case alla disperata ricerca della sicurezza.

Ecco alcuni esempi di soci del Rotary impegnati a fare la differenza nella vita di migliaia di profughi:

• In Nuova Scozia, il Rotary Club di Amherst ha portato due famiglie dalla Siria nel loro Paese, dove i profughi stanno cominciando una nuova vita. Il club ha coinvolto altri gruppi della comunità per aiutare le famiglie ad assimilarsi nella città e cultura locale. Il Rotary Club di Merritt, British Columbia, ha anche messo insieme le risorse per portare una famiglia dalla Siria al Canada.

• Il Rotaract Club di Nakivale, Uganda, sta raccogliendo fondi per aiutare i residenti di un enorme insediamento profughi ad avviare le loro attività. Il club, con basi nell’insediamento, fornisce ai profughi anche zucchero, sapone e abiti.

•Pia Skarabis-Querfeld, una socia del Rotary, medico della Germania, ha creato una rete di medici volontari per aiutare migliaia di profughi a ricevere cure mediche a Berlino. Nel 2015, durante l’apice degli arrivi di profughi in Germania, la sua organizzazione no profit, Medizin Hilft, ha avuto oltre 100 volontari presso la clinica. Il club di Pia, il Rotary Club di Berlin-Teirgarten, ha sponsorizzato una sovvenzione globale di 160.000 dollari per finanziare il progetto fino a marzo 2018. Sempre in Germania, il Rotary Club di Lemgo-Sternberg ha fornito le risorse per formare 60 volontari per insegnare il tedesco a circa 600 profughi.

  • 65. milioni sono stati costretti a lasciare le loro abitazioni
  • 11 milioni profughi hanno meno di 18 anni

• I Distretti Rotary 2452 (Libano) e 6560 (Indiana, USA) hanno aiutato a fornire interventi cardiaci salvavita a 32 bambini libanesi e a 10 bambini profughi dalla Siria. Il distretto ha usato una sovvenzione globale di 185.000 dollari per finanziare gli interventi.

• Il Rotary Club di Kigali-Virunga, Rwanda, ha collaborato con i soci del Rotary Club di Dortmund, Germania, per fornire pozzi a un campo profughi in Gahara Sector, Rwanda.

• I soci del Rotary di Seul, Corea, e Taipei, Taiwan, stanno usando una sovvenzione globale di 89.000 dollari per fornire attrezzature di diagnosi per otorino-laringoiatria alla Raphael Clinic di Seul, per curare i profughi della Corea del Nord.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *