Una ragione per sorridere

Dal 1993, i Rotariani di Cile e Stati Uniti collaborano per gli interventi di chirurgia plastica facciale

A cura di Diana Schoberg Foto di Daniela Prado Sarasúa

Ricardo Román stava facendo acquisti in un negozio in Cile con sua moglie nel 2012 quando una donna ventenne lo ha avvicinato. Lui non l’aveva riconosciuta, ha dichiarato tramite l’interprete, ma aveva due buone ragioni: l’ultima volta che l’aveva vista era dieci anni prima, e il suo sorriso era cambiato drasticamente.

Lena Pinillos, a sinistra, e James Lehman (chirurghi), parlano a un padre di suo figlio.

Román, socio del Rotary Club di Reñaca, Cile, è il coordinatore nazionale di un programma che ha aiutato migliaia di bambini in Cile con labbro leporino, e altre difetti congeniti – inclusa questa donna che adesso voleva abbracciare Román.

“Lei mi ha detto ‘Questo è il mio sorriso rotariano'”, ha dichiarato il medico, con la voce incrinata dall’emozione. “È stato davvero un momento gratificante per me”.

Il progetto è iniziato nel 1993, quando Rotariani di San Francisco, guidati da Peter Lagarias e Angelo Capozzi, hanno sponsorizzato una missione medica che ha eseguito interventi di plastica facciale in Cile. Quello è stato l’inizio di Rotaplast, un programma che poi è diventato un’organizzazione no profit che, da allora, ha inviato squadre in 26 Paesi.

Nel 2004, i Rotariani del Cile hanno assunto la leadership del programma nel loro Paese. Negli anni, i medici cileni si sono coinvolti maggiormente, e il programma è stato ampliato, includendo interventi di ricostruzione a pazienti di cancro.

“Questo è un bell’esempio per Rotary, vedere persone che parlano spagnolo e inglese in Paesi di lingua spagnola, che collaborano per realizzare obiettivi comuni”, ha dichiarato James Lehman, un chirurgo plastico che si è affiliato al Rotary Club di Fairlawn, Ohio, dopo aver collaborato con Rotariani in Cile.

Lei mi ha detto ‘Questo è il mio sorriso rotariano’. È stato davvero un momento gratificante.

Ricardo Román 
Rotary Club di Reñaca, Cile

A  febbraio, Lehman e una squadra statunitense di chirurghi, anestetisti e infermieri ha visitato Iquique, città turistica sul Pacifico a circa 80 miglia dal confine occidentale del Cile. Grazie al supporto finanziario dalla miniera limitrofa di zinco, Collahuasi, i Rotariani del posto hanno coordinato e pagato il vitto, alloggio e trasporti interni dei Rotariani, (I medici in visita pagano per il loro viaggio aereo dagli Stati Uniti al Cile; una organizzazione no profit dell’Ohio finanzia il viaggio di alcuni membri dello staff di supporto).

Oltre 250 pazienti si sono messi in fila nelle prime ore di sabato mattina fuori dall’Ospedale Ernesto Torres Galdames per cercare di ottenere un posto nel calendario della squadra. I pazienti provenivano da tutto il Cile, inclusa una famiglia da Concepción, 1.400 miglia a sud. Circa 600 nascono ogni anno in Cile con labbro leporino e palatoschisi e anche se il governo ha stabilito otto centri per la cura di queste anomalie, la lunga lista d’attesa significa che gli interventi correttivi possono prendere diversi anni. “La richiesta supera l’offerta di persone in grado di prendersi cura dei pazienti”, spiega Lehman.

Utilizzando quattro sale operatorie, una per palatoschisi, una per la ricostruzione di orecchie, una per la ricostruzione di seni e una per altri interventi, la squadra si è messa al lavoro. I pazienti sono stati selezionati in base ai bisogni e la complessità degli interventi. Alla fine della loro permanenza, i chirurghi e il loro staff hanno operato 82 pazienti. In molti casi, tuttavia, la completa ricostruzione può prendere vari interventi, e alcuni pazienti ritornano diversi anni di seguito per completare le procedure.

Ma l’intervento finale non sempre significa la fine di una relazione tra un paziente e Rotary. Román, che ha coordinato il programma dal 2004, ricorda un’occasione l’incontro con una giovane donna in un grande magazzino. Su invito di Román, la paziente ha descritto la trasformazione del suo intervento al labbro leporino e palatoschisi al congresso del distretto Rotary in Cile nel 2012. Molti dei 300 presenti si sono commossi dopo aver ascoltato il suo racconto fino alle lacrime, impressionati dal suo “sorriso rotariano”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *